Una Novella Patria per lo Spirito. Firenze e gli Artisti delle Venezie nel Primo Novecento.opere dal Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi.

aa.vv.

Verlag: Fondazione Palazzo Coronini Cronberg, 2013
ISBN 10: 889025484X / ISBN 13: 9788890254840
Neu / Soft cover / Anzahl: 1
Verkäufer Libro Co. Italia Srl (San Casciano Val di Pesa, FI, Italien)
Bei weiteren Verkäufern erhältlich
Alle  Exemplare dieses Buches anzeigen

Über dieses Buch

Leider ist dieses Buch nicht mehr verfügbar. Bitte geben Sie Suchbegriffe in das untenstehende Formular ein, um ähnliche Exemplare zu finden.

Beschreibung:

Gorizia, Scuderie di Palazzo Coronini Cronberg, 12 aprile - 30 giugno 2013. Firenze, Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, 14 dicembre - 9 febbraio 2014. Gorizia, 2013; br., pp. 184, ill. b/n e col., cm 22,5x27. Il Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, conosciuto in tutto il mondo per le sue preziose collezioni antiche, custodisce anche una considerevole raccolta di opere del Novecento. Dalle collezioni contemporanee, meno note ma in continua crescita grazie ad acquisti e donazioni, appartengono i 66 fogli selezionati per la mostra: un corpus grafico che documenta la produzione di alcuni importanti artisti provenienti dal Friuli Venezia Giulia, dal Veneto e dal Trentino, entrati in contatto con Firenze nei primi decenni del Novecento. Il percorso espositivo, completato da quattro opere di proprietà della Fondazione Coronini, si apre con gli eleganti ritratti femminili del padovano Lino Selvatico e del triestino Arturo Rietti, seguiti dalle suggestive vedute di Bruno Croatto, dalle invenzioni dagli accenti simbolisti di Guido Balsamo Stella e dalle figure intensamente espressive del goriziano Edoardo Del Neri. Si tratta di artisti ancora legati per formazione e cultura agli ultimi decenni dell'Ottocento, quando nelle regioni del Triveneto, ancora in parte sottoposte al dominio austriaco, i punti di riferimento culturale erano rappresentati non solo dall'Accademia di Venezia ma anche dai movimenti secessionisti di Monaco e Vienna. Per Del Neri il superamento della tradizione mitteleuropea avverrà sulla via di Roma, per Vittorio Bolaffio, altro goriziano imbevuto di cultura triestina, direttamente a Parigi, mentre Croatto troverà proprio nell'incisione, grazie all'impressione suscitata dai paesaggi umbri e toscani, la prima fonte della propria vocazione. Il nucleo centrale della mostra è costituito dalle opere di Carlo Cainelli, Carlo Sbisà e Giannino Marchig, artisti che, spinti dalla ricerca di una precisa identità nazionale, elessero Firenze a sede dei loro studi e della loro prima attività, come già avevano fatto, negli anni precedenti la Grande Guerra, il pittore Vittorio Bolaffio e molti intellettuali triestini e goriziani, fra i quali Carlo Michelstaedter, Giani Stuparich e Scipio Slataper. Ampio spazio è stato riservato alla figura del triestino Giannino Marchig, presente con 22 opere che testimoniano l'importanza del soggiorno fiorentino nell'evoluzione del suo linguaggio artistico. Come scrisse infatti in quegli anni il critico Sergio Ortolani, "Firenze appena conosciuta fu una novella patria del suo spirito", il punto di partenza di quella "rivelazione di italianità" che, senza la stretta adesione a gruppi e correnti, lo portò alla riscoperta del classicismo di Giotto e del Caravaggio verso la sua personale interpretazione del "ritorno all'ordine". Si va dalle stampe che rappresentano vivaci figure sedute nei caffè, scorci di piazze e strade piene di vita, agli intensi ritratti di famigliari, amici e conoscenti, ai rapidi disegni preparatori per i suoi dipinti. È interessante notare come le stesse tematiche, gli stessi luoghi e gli stessi ambienti si riaffaccino nelle coeve acqueforti, stilisticamente molto affini, del concittadino Carlo Sbisà, con in quale aveva maturato uno stretto rapporto d'amicizia, così come nelle opere del trentino Carlo Cainelli. Entrambi questi artisti, al pari dell'udinese Antonio Coceani, negli anni della guerra avevano seguito all'Accademia di Firenze i corsi di incisione tenuti da Emilio Mazzoni Zarini (1869-1849), personalità ancora poco nota ma considerato all'epoca uno dei maggiori acquafortisti italiani, come conferma la sua regolare presenza alle Biennali e alle varie Esposizioni nazionali dedicate alla grafica. Dal lascito che Mazzoni Zarini destinò al Gabinetto degli Uffizi al momento della sua morte nel 1949 provengono molte delle opere in mostra. Si tratta di omaggi che attestano la stima dei suoi giovani allievi dell'Accademia, ma anche i conta. Buchnummer des Verkäufers 2655163

Über diesen Titel:

Inhaltsangabe: Gorizia, Scuderie di Palazzo Coronini Cronberg, 12 aprile - 30 giugno 2013.Firenze, Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, 14 dicembre - 9 febbraio, 2014.Gorizia, 2013; br., pp. 184, ill. b/n col., cm 22,5x27. Il Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, conosciuto in tutto il mondo per le sue preziose collezioni antiche, custodisce anche una considerevole raccolta di opere del Novecento. Dalle collezioni contemporanee, meno note ma in continua crescita grazie ad acquisti e donazioni, appartengono i 66 fogli selezionati per la mostra: un corpus grafico che documenta la produzione di alcuni importanti artisti provenienti dal Friuli Venezia Giulia, dal Veneto e dal Trentino, entrati in contatto con Firenze nei primi decenni del Novecento. Il percorso espositivo, completato da quattro opere di proprietà della Fondazione Coronini, si apre con gli eleganti ritratti femminili del padovano Lino Selvatico e del triestino Arturo Rietti, seguiti dalle suggestive vedute di Bruno Croatto, dalle invenzioni dagli accenti simbolisti di Guido Balsamo Stella e dalle figure intensamente espressive del goriziano Edoardo Del Neri. Si tratta di artisti ancora legati per formazione e cultura agli ultimi decenni dell'Ottocento, quando nelle regioni del Triveneto, ancora in parte sottoposte al dominio austriaco, i punti di riferimento culturale erano rappresentati non solo dall'Accademia di Venezia ma anche dai movimenti secessionisti di Monaco e Vienna. Per Del Neri il superamento della tradizione mitteleuropea avverrà sulla via di Roma, per Vittorio Bolaffio, altro goriziano imbevuto di cultura triestina, direttamente a Parigi, mentre Croatto troverà proprio nell'incisione, grazie all'impressione suscitata dai paesaggi umbri e toscani, la prima fonte della propria vocazione. Il nucleo centrale della mostra è costituito dalle opere di Carlo Cainelli, Carlo Sbisà e Giannino Marchig, artisti che, spinti dalla ricerca di una precisa identità nazionale, elessero Firenze a sede dei l

„Über diesen Titel“ kann sich auf eine andere Ausgabe dieses Titels beziehen.

Bibliografische Details

Titel: Una Novella Patria per lo Spirito. Firenze e...
Verlag: Fondazione Palazzo Coronini Cronberg
Erscheinungsdatum: 2013
Einband: Soft cover
Zustand: new

ZVAB ist ein Internet-Marktplatz für neue, gebrauchte, antiquarische und vergriffene Bücher. Bei uns finden Sie Tausende professioneller Buchhändler weltweit und Millionen Bücher. Einkaufen beim ZVAB ist einfach und zu 100% sicher — Suchen Sie nach Ihrem Buch, erwerben Sie es über unsere sichere Kaufabwicklung und erhalten Sie ihr Buch direkt vom Händler.

Millionen neuer und gebrauchter Bücher bei tausenden Anbietern

Antiquarische Bücher

Antiquarische Bücher

Von seltenen Erstausgaben bis hin zu begehrten signierten Ausgaben – beim ZVAB finden Sie eine große Anzahl seltener, wertvoller Bücher und Sammlerstücke.

ZVAB Startseite

Erstausgaben

Erstausgaben

Erstausgaben sind besondere Bücher, die den ersten Abdruck des Textes in seiner ursprünglichen Form darstellen. Hier finden sie Erstausgaben von damals bis heute.

Erstausgaben

Gebrauchte Bücher

Gebrauchte Bücher

Ob Bestseller oder Klassiker, das ZVAB bietet Ihnen eine breite Auswahl an gebrauchten Büchern: Stöbern Sie in unseren Rubriken und entdecken Sie ein Buch-Schnäppchen.

Gebrauchte Bücher

Mehr Bücher entdecken