La Poesia Dialettale e il Teatro di Vitaliano Bilotta.

Di Summa, Chiara

Verlag: Congedo Editore, 2013
ISBN 10: 8867660330 / ISBN 13: 9788867660339
Neu / Soft cover / Anzahl: 1
Verkäufer Libro Co. Italia Srl (San Casciano Val di Pesa, FI, Italien)
Bei weiteren Verkäufern erhältlich
Alle  Exemplare dieses Buches anzeigen

Über dieses Buch

Leider ist dieses Buch nicht mehr verfügbar. Bitte geben Sie Suchbegriffe in das untenstehende Formular ein, um ähnliche Exemplare zu finden.

Beschreibung:

Galatina, 2013; br., pp. 408, ill. b/n e col., cm 17x24. Questo libro nasce dall'esigenza di non disperdere e di far conoscere un patrimonio di poesie in dialetto francavillese, di cui, nei primi decenni del Novecento, fu autore, fine e pensoso, il professore Vitaliano Bilotta al tempo della sua attività di docente di lettere e di preside nel Ginnasio Comunale, poi Regio Ginnasio, di Francavilla Fontana. Una lingua, e specialmente una lingua dialettale, vive finché è parlata, ma sopravvive, quando non è più parlata, solo se è scritta. Il problema non si pone per la lingua nazionale che, quando morrà e se morrà, lascerà dietro di sé migliaia se non milioni di opere. Ma si pone per il dialetto che in vita subisce la concorrenza della lingua nazionale e in morte non lascia dietro di sé gran numero di opere, anche se la lingua dialettale - scrive il nostro autore - "non meno perfettamente di altre più nobili, si presta, per efficacia, colorito, leggiadria, movenze ed immagini, a rivestire i vari generi letterari, come, per esempio, lo scherzoso. e il morale. o il patetico". Il dialetto francavillese certamente non è morto, ma rispetto a quello parlato agli inizi del Novecento ha subito violenze e trasformazioni che ne hanno profondamente alterato i connotati. Violenze e trasformazioni che sono venute dall'influenza dell'Italiano (e anche delle lingue straniere) e che hanno determinato una evoluzione quasi innaturale e un impoverimento dell'identità dialettale a causa di forme espressive, che mal si accordano con il dialetto più antico. E anche i moderni mezzi di comunicazione hanno fatto la loro parte! A ciò si aggiunga che le nuove generazioni in ambiente locale trascurano sempre più il dialetto, non apprezzandone i pregi semantici, nel mentre si rivolgono sempre più alla lingua nazionale, pur non conseguendone ancora la piena padronanza. Il risultato è un linguaggio ibrido, il cosiddetto pulito, che non è più dialetto ma non è ancora italiano, che aspira ad una personalità espressiva ma produce effetti comici, che vorrebbe durare nel tempo ma non può che avere vita effimera. Si aggiunga ancora che il progresso scientifico e tecnologico ha eliminato oggetti di uso quotidiano, strumenti di lavoro, arti e mestieri, categorie di artigiani e lavoratori un tempo indispensabili alla vita della città e tramandanti di padre in figlio i segreti della loro arte; che la modernità e i nuovi stili di vita hanno travolto tradizioni, abitudini, modi di dire. E così, insieme agli oggetti, agli strumenti, alle arti e mestieri, alle categorie artigianali, alle tradizioni, alle abitudini, ai modi di dire sono inevitabilmente scomparsi i termini e le espressioni dialettali corrispondenti. In quanti oggi saprebbero riconoscere l'acqualuru, l'antieri, l'arsola, lu caminaru, lu capasòne, la capiciola, la cargassa, lu cconzalemmi, lu cruècculu, la farzana, lu fículu, la fracèra, lu jussu, lu lajanaturu, lu limmu, la mattra, la mènza, lu mmile, lu quarnamientu, la quatara, lu ranfinu, lu ristúcciu, lu scacchiatu, lu caràcciu, la cattalòra, lu ciarabbà, lu ciucettu, lu scuncignatu, lu scurfigghiòni, lu tapunaru, la tilèdda, lu trúfulu, .? Alla necessità di documentare una lingua dialettale, che il professore Bilotta definì lingua nobile, si unisce il desiderio di offrire a lettori interessati e raffinati un esempio di poesia dialettale, capace di divertire e commuovere mentre descrive con simpatia e compassione la vita quotidiana di contadini ed artigiani, che conoscono soltanto il peso del lavoro e cominciano ad essere appena sfiorati dal progresso. Un vecchio mondo si sta trasformando con velocità inconsueta, abbattendo le certezze del passato e creando le paure del futuro. E qualcuno già comincia a dire: Stáumu megghiu quannu stáumu pesciu. Buchnummer des Verkäufers 2689382

Bibliografische Details

Titel: La Poesia Dialettale e il Teatro di ...
Verlag: Congedo Editore
Erscheinungsdatum: 2013
Einband: Soft cover
Zustand: new

ZVAB ist ein Internet-Marktplatz für neue, gebrauchte, antiquarische und vergriffene Bücher. Bei uns finden Sie Tausende professioneller Buchhändler weltweit und Millionen Bücher. Einkaufen beim ZVAB ist einfach und zu 100% sicher — Suchen Sie nach Ihrem Buch, erwerben Sie es über unsere sichere Kaufabwicklung und erhalten Sie ihr Buch direkt vom Händler.

Millionen neuer und gebrauchter Bücher bei tausenden Anbietern

Antiquarische Bücher

Antiquarische Bücher

Von seltenen Erstausgaben bis hin zu begehrten signierten Ausgaben – beim ZVAB finden Sie eine große Anzahl seltener, wertvoller Bücher und Sammlerstücke.

ZVAB Startseite

Erstausgaben

Erstausgaben

Erstausgaben sind besondere Bücher, die den ersten Abdruck des Textes in seiner ursprünglichen Form darstellen. Hier finden sie Erstausgaben von damals bis heute.

Erstausgaben

Gebrauchte Bücher

Gebrauchte Bücher

Ob Bestseller oder Klassiker, das ZVAB bietet Ihnen eine breite Auswahl an gebrauchten Büchern: Stöbern Sie in unseren Rubriken und entdecken Sie ein Buch-Schnäppchen.

Gebrauchte Bücher

Mehr Bücher entdecken