PONTANI OPERA / IOANNIS IOVIANI PONTANI AMORUM LIBRI II [.]. Due edizioni aldine raccolte in unico volume. 1513 / 1518. 1513 / 1518.

PONTANI GIOVIANO Giovanni.

Verlag: in Aedibus Aldi et Andreae Soceri
Gebraucht / Copertina rigida / Anzahl: 0
Bei weiteren Verkäufern erhältlich
Alle  Exemplare dieses Buches anzeigen

Über dieses Buch

Leider ist dieses Exemplar nicht mehr verfügbar. Hier sehen Sie die besten Ergebnisse zur Suche nach PONTANI OPERA / IOANNIS IOVIANI PONTANI AMORUM LIBRI II [.]. Due edizioni aldine raccolte in unico volume. 1513 / 1518. 1513 / 1518. und PONTANI GIOVIANO Giovanni..

Beschreibung:

Due rare edizioni aldine raccolte in unico volume. Cm.15,4x9,2. Legatura in piena pergamena con titoli e fregi in oro al dorso. Fogli di guardia marmorizzati e tagli spruzzati. Minime forellini alla parte inferiore del dorso ed alla parte interna delle cerniere. 1) "Pontani Opera. Urania, sive de Stellis libri quinque. Meteororum liber unus. De Hortis hesperidum libri duo. Lepidina sive postorales pompae Septem. Item Meliseus Maeon Acon. Hendecasyllaborum libri duo. Tumulorum liber unus. Neniae duodecim. Epigrammata duodecim. Quae vero in toto opere habeantur in Indice, qui in calce est, licet videre". Venetiis, in Aedibus Aldi, et Andreae Asulani Soceri, MDXIII. Testo latino. 255 carte numerate solo al recto, una carta bianca al recto e con ancora aldina impressa al verso. 2) "Ioannis Ioviani Pontani Amorum libri II. De amore coniugali libri III. Tumulorum II, qui in superiore aliorum poëma ton editione desyderabantur. Lyrici I. Eridanorum II. Eclogæ duæ Coryle, & Quinquennius superioribus quatuor additæ. Calpurnij Siculi Eclogæ VII. Aurelij Nemesiani Eclogæ IIII. Explicatio locorum omnium abstrusorum Pontani authore Petro Summontio viro doctissimo. Index rerum, quæ in his Pontani lusibus contineantur". Venetiis, in Aedibus Aldi et Andreae Soceri, mense Februario 1518. Prefazione di Antonio Mocenigo. Testo latino. Carte 170 numerate solo al recto, una carta con registro e colophon al recto e bianca al verso, una carta bianca al recto e con impresa aldina al verso. Le carte 144 e 165 sono bianche sia al recto che al verso. Anomala la numerazione delle carte del poema "Lyrici". Dopo la carta 88 che chiude il "Tumulorum libri II, tale numerazione presenta il seguente sviluppo, relativamente alla numerazione araba: 97, 90, 99, 92, 101, 94, 103, 96, 97, 98, 99, 100, 101, 102, 103. Tale anolamia è parzialmente segnalata da Renouard, che specifica "sans dérangement dans les signatures", come confermato dall'integrità e linearità del registro dei quaderni interessati "m" e "n". Esemplare di significativa freschezza, con margini plausibili e pressoché priva di bruniture. Solo l'ultima carta del secondo testo presenta alcune marginali chiazze antiche d'inchiostro. Giovanni Pontano, in seguito Giovanni Gioviano, nome latinizzato Ioannes Iovianus Pontanus, fu poeta, umanista e uomo politico (Cerreto di Spoleto, 1429 - Napoli, 1503). Intellettuale di spicco della corte aragonese (da lui prese il nome l'"Accademia Pontaniana"), usò un latino duttile e moderno. Nella sua cospicua produzione emergono, oltre ai vivacissimi dialoghi, il poema "Urania" (1476), e l'egloga "Lepidina" (1496), in cui una serie di cortei di ninfe e numi minori rappresentano i bei luoghi di Napoli, con le caratteristiche di usi e feste a questi luoghi congiunti. Originale poema della vita familiare e suo capolavoro sono i tre libri di elegie "De amore coniugali", che comprendono le 12 "Næniæ per il figlioletto Lucio. Fu mandato a studiare a Perugia, ove dal 1441 fu cancelliere del Comune lo zio Tommaso, non oscuro discepolo del Guarino; di poi, rinunciando in favore delle sorelle ai beni che gli restavano, andò in cerca di fortuna. Condotto nel 1448 a Napoli da Alfonso il Magnanimo, protetto dal Panormita, entrò nella «sodalitas» da questo fondata, che doveva poi diventare l'Accademia Pontaniana, e in essa prese il nome di Gioviano. Dapprima alla corte gli fu affidata l'educazione di due principini, Carlo di Navarra e Alfonso, figlio di Ferdinando I; poi entrò e presto avanzò negli uffici della Segreteria Reale. Nelle lotte che Ferdinando dovette sostenere (1458-1464) contro il pretendente angioino, Pontano gli fu di valido aiuto con la penna e con la spada, e ne consacrò le gesta nel "De Bello Neapolitano". Più tardi (1481) accompagnò Alfonso nell'impresa per la riconquista di Otranto; negoziò la pace di Bagnolo (1484) nella guerra contro Venezia, nel 1486 trattò l'accordo tra Ferdinando e il Papa, dal quale nello stesso anno ebbe la laurea poetica. Giustiziato come. Buchnummer des Verkäufers

Bibliografische Details

Titel: PONTANI OPERA / IOANNIS IOVIANI PONTANI ...
Verlag: in Aedibus Aldi et Andreae Soceri
Einband: Copertina rigida
Zustand: buone
Auflage: Prima edizione.

Beste Suchergebnisse beim ZVAB

1.

PONTANI GIOVIANO Giovanni.
Verlag: in Aedibus Aldi et Andreae Soceri, Venetiis
Gebraucht Hardcover Anzahl: 1
Anbieter
Bewertung
[?]

Buchbeschreibung in Aedibus Aldi et Andreae Soceri, Venetiis. Copertina rigida. Zustand: buone. Prima edizione. Due rare edizioni aldine raccolte in unico volume. Cm.15,4x9,2. Legatura in piena pergamena con titoli e fregi in oro al dorso. Fogli di guardia marmorizzati e tagli spruzzati. Minime forellini alla parte inferiore del dorso ed alla parte interna delle cerniere. 1) "Pontani Opera. Urania, sive de Stellis libri quinque. Meteororum liber unus. De Hortis hesperidum libri duo. Lepidina sive postorales pompae Septem. Item Meliseus Maeon Acon. Hendecasyllaborum libri duo. Tumulorum liber unus. Neniae duodecim. Epigrammata duodecim. Quae vero in toto opere habeantur in Indice, qui in calce est, licet videre". Venetiis, in Aedibus Aldi, et Andreae Asulani Soceri, MDXIII. Testo latino. 255 carte numerate solo al recto, una carta bianca al recto e con ancora aldina impressa al verso. 2) "Ioannis Ioviani Pontani Amorum libri II. De amore coniugali libri III. Tumulorum II, qui in superiore aliorum poëma ton editione desyderabantur. Lyrici I. Eridanorum II. Eclogæ duæ Coryle, & Quinquennius superioribus quatuor additæ. Calpurnij Siculi Eclogæ VII. Aurelij Nemesiani Eclogæ IIII. Explicatio locorum omnium abstrusorum Pontani authore Petro Summontio viro doctissimo. Index rerum, quæ in his Pontani lusibus contineantur". Venetiis, in Aedibus Aldi et Andreae Soceri, mense Februario 1518. Prefazione di Antonio Mocenigo. Testo latino. Carte 170 numerate solo al recto, una carta con registro e colophon al recto e bianca al verso, una carta bianca al recto e con impresa aldina al verso. Le carte 144 e 165 sono bianche sia al recto che al verso. Anomala la numerazione delle carte del poema "Lyrici". Dopo la carta 88 che chiude il "Tumulorum libri II, tale numerazione presenta il seguente sviluppo, relativamente alla numerazione araba: 97, 90, 99, 92, 101, 94, 103, 96, 97, 98, 99, 100, 101, 102, 103. Tale anolamia è parzialmente segnalata da Renouard, che specifica "sans dérangement dans les signatures", come confermato dall'integrità e linearità del registro dei quaderni interessati "m" e "n". Esemplare di significativa freschezza, con margini plausibili e pressoché priva di bruniture. Solo l'ultima carta del secondo testo presenta alcune marginali chiazze antiche d'inchiostro. Giovanni Pontano, in seguito Giovanni Gioviano, nome latinizzato Ioannes Iovianus Pontanus, fu poeta, umanista e uomo politico (Cerreto di Spoleto, 1429 - Napoli, 1503). Intellettuale di spicco della corte aragonese (da lui prese il nome l'"Accademia Pontaniana"), usò un latino duttile e moderno. Nella sua cospicua produzione emergono, oltre ai vivacissimi dialoghi, il poema "Urania" (1476), e l'egloga "Lepidina" (1496), in cui una serie di cortei di ninfe e numi minori rappresentano i bei luoghi di Napoli, con le caratteristiche di usi e feste a questi luoghi congiunti. Originale poema della vita familiare e suo capolavoro sono i tre libri di elegie "De amore coniugali", che comprendono le 12 "Næniæ per il figlioletto Lucio. Fu mandato a studiare a Perugia, ove dal 1441 fu cancelliere del Comune lo zio Tommaso, non oscuro discepolo del Guarino; di poi, rinunciando in favore delle sorelle ai beni che gli restavano, andò in cerca di fortuna. Condotto nel 1448 a Napoli da Alfonso il Magnanimo, protetto dal Panormita, entrò nella «sodalitas» da questo fondata, che doveva poi diventare l'Accademia Pontaniana, e in essa prese il nome di Gioviano. Dapprima alla corte gli fu affidata l'educazione di due principini, Carlo di Navarra e Alfonso, figlio di Ferdinando I; poi entrò e presto avanzò negli uffici della Segreteria Reale. Nelle lotte che Ferdinando dovette sostenere (1458-1464) contro il pretendente angioino, Pontano gli fu di valido aiuto con la penna e con la spada, e ne consacrò le gesta nel "De Bello Neapolitano". Più tardi (1481) accompagnò Alfonso nell'impresa per la riconquista di Otranto; negoziò la pace di Bagnolo (1484) nella guerra contro Venezia, nel 1486 trattò l'accordo tra Ferdinando e il Papa, dal quale nello stesso anno ebbe la laurea poetica. Giustiziato come. Artikel-Nr. 116045

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren

Gebraucht kaufen
EUR 4.400,00
Währung umrechnen

In den Warenkorb

Versand: EUR 18,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer