Fruscii di vento.

Solari, Andreina

Verlag: Genesi, 2008
ISBN 10: 8874141440 / ISBN 13: 9788874141449
Neu / Soft cover / Anzahl: 1
Verkäufer Libro Co. Italia Srl (San Casciano Val di Pesa, FI, Italien)
Bei weiteren Verkäufern erhältlich
Alle  Exemplare dieses Buches anzeigen

Über dieses Buch

Leider ist dieses Buch nicht mehr verfügbar. Bitte geben Sie Suchbegriffe in das untenstehende Formular ein, um ähnliche Exemplare zu finden.

Beschreibung:

Torino, 2008; br., pp. 96, 1 ill. col., cm 13,5x20,5. (Le scommesse. 224). Andreina Solari è nata a Chiavari, vive a Leivi, in provincia di Genova. La sua vita, una vita normale, fatta di famiglia, figli, interessi culturali e sensibilità per gli anziani, i bambini, gli animali, gli indifesi, è trascorsa finora tra Leivi e le città della costa, in quel paradiso paesaggistico che è il golfo del Tigullio, e particolarmente tra Chiavari, Sestri Levante e Lavagna. Leivi (il "paese dell'olio"), circa 2300 abitanti, situato su un anfiteatro di colline alle pendici dell'Appennino, si affaccia come una terrazza sulla città di Chiavari e sul mare, estendendosi in una valle argentata dagli ulivi. È in tale ambiente, e nell'atmosfera di affetti, amore e disamore, illusioni e delusioni, speranze e disperazioni, sogni ad occhi aperti e realismo raziocinante, che sono nate le poesie di questo primo libro di Andreina. Non per uno sterile gioco letterario, ma per una necessità del cuore. Sì, del cuore. Perché se è vero che per fare autentica poesia non bastano le effusioni del sentimento e non basta la semplice, per quanto acuta, sensibilità, è pur vero che senza l'uno e l'altra non vi può essere poesia, non si può comunicare con la "intelligenza del cuore" del lettore. Se si privilegia quasi esclusivamente la forma e gli orpelli verbali, si rischia di fare un vuoto cerebralismo fine a se stesso, ma non si fa poesia. Ed è quanto accade a certa poesia contemporanea, che, tranne magnifiche eccezioni, tende a divenire sempre più un autoreferenziale circolo per iniziati anziché uno strumento prezioso per comunicare con gli altri uomini e col mondo. È pur vero che col cuore e col sentimento non bisogna esagerare, e che comunque non sono sufficienti a fare arte, cioè poesia autentica. Così come è vero che il pericolo della retorica e del sentimentalismo è sempre presente. Ma l'importante è essere sinceri con se stessi e col lettore, sinceri al punto da apparire ingenui. E di una tale "ingenuità" e freschezza creativa ce n'è molta, nelle poesie di questa raccolta d'esordio della Solari. Così come c'è una incomprimibile voglia di cantare, di cedere alle confessioni e agli entusiasmi, tranne rinchiudersi subito dopo nella reticenza e nello sconforto (salvo tornare a cantare la gioia di vivere giorno per giorno, e così via). La morte è vista come un evento immanente, ineluttabile, ma anche come una gigantesca assurdità un evento "senza senso" nella vita quotidiana che, nonostante tutto, offre sempre spunti di curiosità, felicità e speranza. Perfino nelle immagini e situazioni più lievi e delicate, direi "minime ". Si veda, ad esempio, quella "pozzanghera smossa dal vento / che l'accarezza e passa". O quei miniquadretti colti con acuto senso di osservazione e con ironica simpatia, come Ragno zanzara e me, come Micio, e soprattutto come Percorrendo il corso, dove "cinque giovinetti "che cicalecciano sul caruggio centrale di Chiavari sono paragonati a "uno stormo di uccelletti". E poi c'è l'amore. Sì, l'amore, e non solo quello per la natura, gli anziani, i disabili, i bambini, gli animali. Ma quello che può scuotere profondamente la vita e marcare a fuoco un'anima di poeta. Infatti, dopo la "parte prima" del libro (Fruscii di vento), che è quasi una dichiarazione di poetica, in cui l'autrice confessa i motivi per cui si sente spinta a scrivere, e ci descrive l'anima del paesaggio (marittimo, collinare, urbano, psicologico) nel quale vive felicemente, troviamo l'Amore, nella "parte seconda" intitolata Se la nebbia dirada. È un amore vagheggiato nel sogno, in modo così intenso da sembrare autentico. Al punto da "sconvolgere" quel "quieto vivere" provinciale. Ma non c'è nessun compiacimento bovaristico e decadente nelle poesie che ne scaturiscono quando la tempesta e la nebbia del sogno e dell'immaginazione febbrile si saranno placate e diradate. C'è invece il desiderio di non cadere nel "cataclisma". Infatti, nella "parte terza", La montagna del. Buchnummer des Verkäufers 1797969

Bibliografische Details

Titel: Fruscii di vento.
Verlag: Genesi
Erscheinungsdatum: 2008
Einband: Soft cover
Zustand: new

ZVAB ist ein Internet-Marktplatz für neue, gebrauchte, antiquarische und vergriffene Bücher. Bei uns finden Sie Tausende professioneller Buchhändler weltweit und Millionen Bücher. Einkaufen beim ZVAB ist einfach und zu 100% sicher — Suchen Sie nach Ihrem Buch, erwerben Sie es über unsere sichere Kaufabwicklung und erhalten Sie ihr Buch direkt vom Händler.

Millionen neuer und gebrauchter Bücher bei tausenden Anbietern

Antiquarische Bücher

Antiquarische Bücher

Von seltenen Erstausgaben bis hin zu begehrten signierten Ausgaben – beim ZVAB finden Sie eine große Anzahl seltener, wertvoller Bücher und Sammlerstücke.

ZVAB Startseite

Erstausgaben

Erstausgaben

Erstausgaben sind besondere Bücher, die den ersten Abdruck des Textes in seiner ursprünglichen Form darstellen. Hier finden sie Erstausgaben von damals bis heute.

Erstausgaben

Gebrauchte Bücher

Gebrauchte Bücher

Ob Bestseller oder Klassiker, das ZVAB bietet Ihnen eine breite Auswahl an gebrauchten Büchern: Stöbern Sie in unseren Rubriken und entdecken Sie ein Buch-Schnäppchen.

Gebrauchte Bücher

Mehr Bücher entdecken