Cospicuo carteggio ottocentesco, inedito, di grande rilevanza risorgimentale, intercorso tra importanti personaggi, quali Giuseppe Garibaldi, Francesco Crispi, Giovanni Nicotera, Felletti, Benigno Paraviso, Stirling Begbie, e alcuni membri della famiglia Orlando. 1860-1883.

Erscheinungsdatum: 1860
Gebraucht / No legatura / Anzahl: 0
Verkäufer studio bibliografico pera s.a.s. (LUCCA, Italien)
Bei weiteren Verkäufern erhältlich
Alle  Exemplare dieses Buches anzeigen

Über dieses Buch

Leider ist dieses Buch nicht mehr verfügbar. Bitte geben Sie Suchbegriffe in das untenstehende Formular ein, um ähnliche Exemplare zu finden.

Beschreibung:

Significativo lotto di 18 missive inedite, così articolato: a) un biglietto autografo di Giuseppe Garibaldi (Nizza, 1807-1882), inviato da Roma in data 19 febbraio 1873, a mò di lettera di presentazione di tal Semenza; b) 5 lunghe lettere autografe di Francesco Crispi (Ribera, 1818-1901), quattro delle quali in busta affrancata e viaggiata, inviate fra il 1872 e il 1874 a Luigi Orlando, in cui si parla di argomenti personali, di questioni economiche e di investimenti e pagamenti bancari; c) 3 lettere e un biglietto autografi, datati 1875 e 1883, di pugno di Giovanni Nicotera (Sambiase, 1828-1894) a Luigi Orlando; d) Due lettere autografe di Benigno Paraviso inviate a Paolo Orlando in data 11 e 21 luglio 1860 (una affrancata e viaggiata); e) Cinque missive autografe in lingua francese di Thomas Sterling Begbie, inviate da Londra (4, Mansion House Place) tra il 19 giugno e il 27 luglio 1860; f) Una lettera autografa, priva di data, inviata da tal Felletti [uomo di fiducia degli Orlando a Londra], in cui parla di attrezzature idrauliche per bastimenti militari. Di particolare interesse le corrispondenze di Paraviso, mercante italiano attivo a Birmingham, di Begbie, un inglese assai influente a Londra e collegato alla "British Columbia" e di Felletti: in esse si parla diffusamente di cospicui trasferimenti di armi dall'Inghilterra all'Italia. Felletti è un uomo di fiducia di Orlando a Londra, mentre Paraviso e Begbie sono due mercanti o mediatori, incaricati di trovare le armi necessarie all'impresa di Garibaldi. Scrive Paraviso l?11 luglio 1860 a Paolo Orlando, che si trova a Londra: ?La fabbrica nel Yorkshire alla quale ordinai i 14 cannoni per bastimento ora mi scrive che la sola specie che suole fare pel governo inglese sono di ferro fuso ?Cast Iron? ? Sempre Paraviso scrive il 21 luglio a Orlando, che nel frattempo si è trasferito a Liverpool: ?I 1250 fucili Enfield, le pistole e i coltelli d?abbordaggio partiranno da qui [Birmingham] senza fallo la sera di mercoledi prossimo. Faccia grazia di significarmi se per i detti fucili debbo pur?anche provvedere i fulminanti e che quantitativo?.? Intrigante anche la corrispondenza tra Begbie e Orlando: in particolare nelle missive del 26 e 27 luglio 1860 Begbie cita G.G. [Giuseppe Garibaldi] e la Calabria, ed esprime ?grand regret que le général est blessé à Milazzo? "Giuseppe Orlando di Colosa è considerato il capostipite della famiglia. D?origine siracusana ma palermitano d?adozione, possiedeva a Palermo un?officina meccanica a cui si rivolgevano gli agricoltori dell?isola per la costruzione di mulini e altre macchine agricole. Alla sua morte, avvenuta nel 1825, lascia la moglie Rosalia Castiglione e sei figli giovani; Luigi Orlando (1814-1896), Salvatore (1818 - 1881), Giuseppe (1820 - 1893), Paolo ( (1824 - 1891), Domenico (18. - 1837) e Lucia (.). Nel 1834 il primogenito Luigi Orlando aderisce alla Giovine Italia, seguito poi dagli altri fratelli. Dopo un periodo in esilio a Malta e in seguito al fallimento dei primi moti insurrezionali siciliani Luigi torna in patria e s?impegna attivamente nell?officina di famiglia introducendo la forza del vapore nella costruzione dei mulini da grano, e riscuote successo con la fabbricazione delle prime molle per materassi. Il carattere imprenditoriale orientato all'innovazione della meccanica è spesso osteggiato dai Borboni, vedendo essi nel progresso un possibile nemico. Luigi è più volte costretto a lasciare la Sicilia. Nel 1847, trasferitisi a Roma, Luigi e Giuseppe dimostrano entusiasmo verso la rivoluzione e la costituzione della Repubblica romana, portando tra l'altro con sé un tricolore, dono degli insorti palermitani, e riportandolo poi nel capoluogo siciliano. Luigi, in Campidoglio, sale in cima alla statua equestre di Marco Aurelio issandovi la bandiera italiana. Alla notizia della momentanea sconfitta del potere Borbonico a Palermo e in tutta la Sicilia in seguito ai moti del 1848, Paolo e Luigi rientrano subito e sono i 100 gr. Buchnummer des Verkäufers 113976

Bibliografische Details

Titel: Cospicuo carteggio ottocentesco, inedito, di...
Erscheinungsdatum: 1860
Einband: No legatura
Zustand: buone

ZVAB ist ein Internet-Marktplatz für neue, gebrauchte, antiquarische und vergriffene Bücher. Bei uns finden Sie Tausende professioneller Buchhändler weltweit und Millionen Bücher. Einkaufen beim ZVAB ist einfach und zu 100% sicher — Suchen Sie nach Ihrem Buch, erwerben Sie es über unsere sichere Kaufabwicklung und erhalten Sie ihr Buch direkt vom Händler.

Millionen neuer und gebrauchter Bücher bei tausenden Anbietern

Antiquarische Bücher

Antiquarische Bücher

Von seltenen Erstausgaben bis hin zu begehrten signierten Ausgaben – beim ZVAB finden Sie eine große Anzahl seltener, wertvoller Bücher und Sammlerstücke.

ZVAB Startseite

Erstausgaben

Erstausgaben

Erstausgaben sind besondere Bücher, die den ersten Abdruck des Textes in seiner ursprünglichen Form darstellen. Hier finden sie Erstausgaben von damals bis heute.

Erstausgaben

Gebrauchte Bücher

Gebrauchte Bücher

Ob Bestseller oder Klassiker, das ZVAB bietet Ihnen eine breite Auswahl an gebrauchten Büchern: Stöbern Sie in unseren Rubriken und entdecken Sie ein Buch-Schnäppchen.

Gebrauchte Bücher

Mehr Bücher entdecken